Museo della lavanda

A Coustellet si può visitare il Museo della Lavanda dove conoscerete l’uso e la differenza tra la lavanda e il lavandino, la maniera in cui estraggono l’essenza ed altre cose interessanti riguardanti questa pianta officinale. C’è anche una collezione di bottiglie ed etichette antiche, alcune di queste fatte da firme famose.

Il posto è bello e molto adatto per rifugiarsi circa un’ora o un’ora e mezza. Il biglietto include un’audioguida in varie lingue e un coupon sconto da usare nel negozio dello stesso museo.

museolavanda

L’Abbazia di Senanque

L’Abbazia di Senanque non ci ha lasciato molto soddisfatti perchè le visite si realizzano solo accompagnati da una guida che però parla solo francese e che spiegava tutto parlando velocemente, Max (che è l’unico di noi due che mastica un po’ di francese) non capiva molto e il poverino faceva fatica a starle dietro con me accanto che gli sussurravo ogni due secondi: che ha detto?, cosa vuole dire questo?, per favore voglio sapere!.

Penso di aver perso molto del significato del posto per cui vi consiglio solo d’informarsi prima di andare e prenotare forse una visita almeno in inglese.

4I2B8150

Les Baux de Provence

A Les Baux-de-Provence (nonostante il terribile Mistral) la passeggiata per il paesino e le rovine del castello è stata bellissima accompagnata da un profumo inconfondibile di rosmarino. Il biglietto d’entrata al castello include una audioguida (disponibile in varie lingue). Il luogo è impressionante ed offre un panorama ampissimo ed in alcuni giorni si può vedere persino la Camargue.

Potete combinare l’entrata al castello con quella a Le Carrière de Lumières, uno spettacolo audiovisivo che si realizza dentro a delle antiche cave. Ogni anno cambia il tema (prima si chiamava Cathédrale d’Images) e a noi curiosamente è toccato il tema del Rinascimento italiano (in più come extra hanno aggiunto un piccolo video in omaggio a Jules Verne).

Lo spettacolo è molto bello, mentre passeggiate per queste enormi gallerie, nelle pareti, nel tetto e nel pavimento viene proiettato un video con le opere di (in questo caso) Michelangelo, Leonardo Da Vinci e Raffaello includendo immagini di Roma, Venezia, Milano e Firenze. Nello stesso tempo, la musica ci avvolge in una atmosfera realmente unica.

Vi chiedo scusa per non aver fatto foto a questa meraviglia, ma ero troppo occupata a lustrarmi gli occhi con questo spettacolo. In ogni caso, questo è il sito ufficiale se volete dargli un’occhiata.

4I2B93304I2B9353

Sempre nella zona di Saint Rémy si può visitare il Sanatorio Saint Paul de Mausolee dove Van Gogh venne ricoverato e qui produsse alcune delle sue opere più famose. Appena entrati s’incontra una statua del pittore in piedi con un mazzo di girasoli tra le braccia. La statua ha un espressione così reale di solitudine e tristezza che impossibile non entrare nel luogo con il cuore pieno di angoscia.

Il sanatorio è pieno di tristezza, vi avverto ed ora come ora non sono così sicura di aver preso la decisione giusta nel visitarlo, infatti avevamo anche in programma di vistare le rovine romane di Glanum dopo di quello visto che erano lì accanto. Ma la visita al sanatorio mi lasciò con un animo talmente triste che abbiamo scelto di lasciare le rovine per un’altro viaggio.

Ciononostante, una delle cose che vorrei raccomandarvi assolutamente è il viale Vincent Van Gogh che porta dal sanatorio fino al centro di Saint Rémy. Per tutto il cammino ci sono riproduzioni delle opere che dipinse in questo periodo insieme a degli estratti delle lettere scritte alla sua famiglia e per terra la replica della sua firma in una placca di metallo, qualcosa di veramente commovente.

vangogh1 vangogh2

 

Roussillion e Le Colorado Provençal

A Roussillon si può fare il Sentiero delle Ocre il quale è un percorso tra i boschi dove le cave di ocra vi meraviglieranno gli occhi, i colori della terra vanno dal bianco dorato fino all’ocra puro, passando per vari toni di giallo. Si possono fare 3 sentieri o sceglierne uno solo, noi – dopo aver visitato Rousillon che assolutamente non dovete perdere per quanto è bello e particolare- abbiamo scelto di andare al Colorado Provençal che si trova a Rustrel e qui abbiamo seguito il sentiero più lungo, in realtà non è molto lungo (solo 5.5 km) ma per la sua conformazione geografica può sembrare più esteso.

Vi consiglio solo di scegliere bene che tipo di scarpe usare poichè se andrete (come ho fatto io) con i sandali, finirete con i piedi completamente ricoperti di terra rossa. Non dovete dimenticare, come sempre in questo tipo di passeggiate, di portare una buona razione di acqua, applicare la crema solare e mettersi un buon cappello!.

4I2B88234I2B8845

Mercati

I mercatini sono il miglior posto (secondo me) per rifornirsi di prodotti gastronomici come formaggi, insaccati, pane, frutta e verdura; ma anche dove incontrerete gioielli da fotografare e comprare souvenirs. Nei mercati si può apprezzare un poco dell’andirivieni degli abitanti che fanno la spesa della settimana, prodotti tipici ed anche artisti da strada che approfittano del grande flusso di persone per far conoscere il loro talento.

Noi ne abbiamo visitati diversi, alcuni perchè ci siamo andati di proposito per vederli ed altri li abbiamo visitati perchè c’erano durante la visita al villaggio. In ogni caso l’atmosfera è sempre un qualcosa di unico e da non perdere. Se desiderate sapere i giorni e gli orari di ognuno di questi vi consiglio di consultare questa pagina che a noi è stata molto utile.

1m 4I2B9624 m2 m3 m4 m5 m6 m7