Bene, per quale altro motivo si visita la Provenza se non per i suoi villaggi? Se avete la fortuna di andare durante la fioritura della lavanda incontrerete campi interminabili color viola e un profumo che sicuramente non dimenticherete mai più. Nel nostro caso non abbiamo potuto farlo (la Lavanda fiorisce tra Giugno e Luglio) ma questo non ha tolto l’incanto ai paesini che abbiamo visitato dove il tempo sembra veramente essersi fermato in un dormiveglia di colori e sensazioni medievali.

Ora, la questione è che ci sono molti paesini e stanno così vicini tra loro, che in un giorno se ne possono visitare due o tre. Alcuni sono così piccoli da non aver altro da fare  che sedersi nelle sue piazzette all’ombra dei platani a guardare l’andirivieni della gente, oppure (e questo era il nostro passatempo preferito), sedersi in uno dei Bistrò a sorseggiare un buon vino rosè.

In questi paesini dai tetti di terracotta arroccati sulle cime dei monti è dove troverete negozietti di tutti i tipi, dai souvenirs da portare ad amici e parenti, fino agli autentici mobili provenzali che ormai sono dei veri e propri pezzi d’antiquariato.

Le case piene di rose e di altri fiori di tutti i colori ti fanno sentire immerso in un grande giardino da cui non vorresti uscire. Le persone sono amabili, le strade pulite e il ritmo è lento. Ora voglio darvi un piccolo consiglio:

in Provenza non dovete avere fretta, può succedere che in un paese (come è successo a noi a Saint-Rémy) per fare colazione dobbiate aspettare fino alle 9 o alle 9.30 perchè prima non è possibile farla (parlo di pâtisseries e boulangeries, negli hotel normalmente iniziano alle 8.00 – per noi che siamo mattinieri, fare colazione alle 7 non è stato mai possibile- ). Dove le cucine dei ristoranti chiudono alle 21.30 e dove le domeniche ed i giorni festivi incontrerete villaggi deserti, non solo i negozi chiusi ma anche le persiane delle case. Noterete che camminare per questi luoghi semi-deserti (come a noi è accaduto a Lacoste e a Le Thor) ha un suo incanto.

Detto questo, basta solo un po’ di organizzazione e se mangiare sotto l’ombrellone di un ristorante non è possibile quel giorno, si può organizzare un pic-nic a base di formaggio, tapenade e vino della regione.

1 4I2B8020 6 4I2B8927 44I2B9031 34I2B9057 2 134I2B8381 14 4I2B8263 8 9 4I2B9476 124I2B79205