E arriviamo alla nostra meta finale. Beijing mi apparve incantevole con le sue strade enormi e pulite, poliziotti in ogni angolo e gente che anche se “di città” era sempre cordiale ed ospitale. Visitare la Città Proibita e la grande Muraglia sono due delle mete principali in questa città.

Un consiglio: se prendete una guida per visitare la Grande Muraglia evitate assolutamente i viaggi organizzati in autobus, ho saputo da varie persone che è una totale perdita di tempo poichè ti lasciano poco tempo per visitare ed apprezzare la Muraglia, per poi portarti in vari mercati e negozi di the dove vi sentirete obbligati a comprare.

Noi abbiamo contrattato con un taxista fuori dal nostro hotel che per circa 50€ ci ha portato a Mutianyu, ci ha aspettato per circa tre ore e poi ci ha riportati a Beijing lasciandoci al mercato delle perle, tuttavia devo dire che provò ad ogni costo a farci entrare in una casa da the dicendoci di entrare solo per vedere, ovviamente noi abbiamo risposto di no e quindi ha dovuto portarci dove gli avevamo chiesto.

Durante il giorno abbiamo visitato i luoghi desiderati (la Città Proibita, Piazza Tianmen,  Il Tempio del Cielo, il Tempio di Confucio, gli Hutong, il mercado delle perle, il mercato della seta , Torre della campana, Torre del Tamburo, etc.) e la sera siamo usciti a vedere i mercatini notturni. A Beijing non hai tempo per annoiarti.

 

Abbiamo sfruttato la possibilità di vedere una delle città più popolata ed antica del mondo. Visitare Beijing mi ha lasciato con molta voglia di ritornare in Cina e vedere il più possibile sentendomi sempre sicura per le sue strade e vedendo la gastronomia più “folle” che abbia mai incontrato.

Pensi che mangiare carne di cane sia l’ultima cosa che vorresti fare? Aspetta che ti offrano scorpioni, tarantole, serpenti, vermi, cavallucci marini, centopiedi e molte altre “delizie” – come differenti tipi di insetti dai nomi impronunciabili- che si trovano nei mercatini notturni. Acclarato che i nostri stomaci non sono pronti a simili piatti, abbiamo potuto assaggiare la famosa anatra laccata alla pechinese  che è una vera delizia.